Misofonia Consapevole

COME L’EMPATIA PUÒ CAMBIARE NOTEVOLMENTE LA VITA DI UN MISOFONICO

Questo articolo è un approfondimento di ciò che comporta il non comprendere a fondo la sofferenza di una persona misofonica. Per questo motivo, questa è una ottima lettura per chi ha a che fare con un misofonico, per comprendere meglio ciò che accade all’interno delle dinamiche dei rapporti interpersonali e quanto sia importante dare un supporto a quel amico, moglie, marito, figlio, sorella, ecc., che soffre di misofonia.

Se invece se sei misofonica/o, Il contenuto di questo articolo lo troverai anche all’interno della GUIDA PER I TUOI CARI, la quale puoi scaricare gratuitamente e consegnare a quella persona che tu ritenga necessario.

Mancanza Di Consapevolezza Sulla Misofonia

La mancanza di consapevolezza della misofonia non si limita alla comunità medica, ma anche al pubblico in generale. 

Questo crea un ulteriore aggravio alla vita dei misofonici, poiché i loro sintomi non sono compresi nella maggior parte dei contesti familiari e sociali.

Sfortunatamente, è abbastanza comune che ogni tentativo di spiegare come si sente quando si sentono i suoni di avversione, dette reazioni misofoniche non sono solo minimizzate, ma anche fraintese. 

Le reazioni di rabbia che si manifestano dopo essere state scatenate, sostengono falsamente idee di semplice follia. Non c’è razionalità dietro la reazione sproporzionata verso un suono “innocuo”.                                                                                     

"Sono l'unica persona al mondo"

La mancanza di consapevolezza comprende anche molti individui che soffrono da una vita di questi sintomi e non sono ancora coscienti di avere un vero e proprio disturbo.

Di solito, quando le persone hanno una condizione medica, vanno dal medico e ottengono una diagnosi. Poi possono cercare un sostegno adeguato, prendere un farmaco, se necessario, o iniziare una terapia; c’è una sorta di conforto psicologico in quanto questi pazienti sentono di essere curati in un modo o nell’altro.

Nel caso della misofonia, questo non accade. 

Le persone che sono andate dal medico di famiglia in passato, in genere, hanno ottenuto delle diagnosi errate come il disturbo ossessivo-compulsivo, la fobia, i disturbi della rabbia, ecc. 

Il termine misofonia ancora non  esiste in nessun testo medico ufficiale. Al momento di scrivere, la maggior parte dei sofferenti hanno scoperto di avere un vero e proprio disturbo e ciò è chiamato misofonia, a causa dei social network, di alcuni siti web dedicati (di solito creati da altri misofonici), e di alcuni articoli trovati occasionalmente in qualche rivista online.

Di conseguenza, fino al giorno in cui un misofonico scopre finalmente per caso di soffrire di un vero e proprio disturbo, vive una vita piena di disperazione e di angoscia, chiedendosi PERCHÉ è l’unica persona al mondo ad avere “questo”.

 

La Empatia: Un Aspetto Fondamentale

Come brevemente spiegato sopra, una delle peggiori sofferenze per un misofonico è quella di non essere compreso né sostenuto. 

La mancanza di empatia si verifica di solito in ambito domestico, in quanto i membri della famiglia sono quelli più esposti alle reazioni emotive negative.

 Oltre a questo, la mancanza di una qualche diagnosi da parte di un medico di famiglia crea anche sospetti tra i membri della famiglia che non riescono a capire l’irrazionalità che sta dietro a questi episodi. 

La misofonia è un disturbo così strano che per chi non ne soffre diventa veramente difficile da comprendere.

misofonia e empatia

Immaginate di toccarvi la bocca, o di tossire, o di bere un bicchiere d’acqua e qualcuno comincia a guardarvi male e poi comincia a urlarvi contro, probabilmente pensereste che la persona vi odia, ma non sapete perché!

E non importa quale sia la spiegazione che potreste avere sulle reazioni misofoniche, sareste comunque spiazzati da tale reazione e pensereste comunque che si tratti solo di malizia.

È quindi naturale che la contro-reazione della “vittima dei misofonici” varierà da una presa in giro del misofonico a un’intensa discussione.

Compassione e Misofonia

Come esseri umani, è più facile capire qualcosa quando la si sperimenta personalmente. Immaginate di vedere qualcuno che inavvertitamente sbatte la testa, probabilmente lo sentirete voi stessi, perché questo potrebbe esservi successo qualche volta e sapete quanto fa male. Di conseguenza, probabilmente cercherete di aiutare quella persona e, cosa più importante, mostrerete intrinsecamente la COMPASSIONE.

Anche nei casi in cui non avete mai sperimentato direttamente un disturbo, potreste comunque mostrare empatia.

Per esempio, questo potrebbe essere il caso quando si vede qualcuno che ha un attacco epilettico. Potreste non averlo mai sperimentato voi stessi, ma in un modo o nell’altro, sapete che è una sofferenza terribile.

Nel caso della misofonia, non accade nessuna di queste due cose.

A meno che la persona che si trova con un misofonico non sia veramente consapevole di ciò che accade psichicamente e fisicamente in una persona che soffre di misofonia, il misofonico si imbatte in una vasta gamma di controreazioni, come avere qualcuno che ricrea di proposito il suono avverso (il peggiore incubo per un misofonico) o che vengano sottovalutati i sintomi misofonici.

Per questo motivo la misofonia può essere un disturbo crudele. chi ne soffre a volte non solo deve affrontare il disagio all’interno del proprio corpo, ma anche l’ostilità e le incomprensioni del proprio ambiente esterno.

Non ce l'ho con te, ma con il rumore che provochi

È importante capire che quando un misofonico reagisce non è perché è arrabbiato con la persona che crea il suono (o gesto) avverso, ma è perché quel suono ha innescato involontariamente la risposta di lotta o fuga. 

Il cervello invia messaggi di PERICOLO, e l’istinto di sopravvivenza prende il sopravvento, questo è abbastanza confuso e travolgente per un misofonico e il primo impulso è il tentativo di fermare a tutti i costi il suono incriminato.

È qui che l’empatia gioca un ruolo significativo. Se la persona che ha dato origine all’innesco mostra compassione e comprensione nonostante non sia in grado di entrare veramente in empatia con un misofonico, ma almeno tenta di “correggere” o di fermare lo stimolo, questo crea una sorta di sollievo in chi ne soffre, poiché il panico, la rabbia o l’ansia che ne derivano, nella maggior parte dei casi, iniziano a dissiparsi.

La mia comprensione personale di questo fenomeno è che probabilmente, il misofonico inconsciamente comprende che non è più “sotto attacco” e gli effetti scatenati dall’istinto di sopravvivenza iniziano a scomparire spontaneamente.

Il disagio mentale purtroppo impiega più tempo a dissiparsi; tuttavia, l’intensa risposta emotiva diventa più gestibile quando i misofonici sentono di essere compresi e sostenuti e che il loro “dolore” non è sottovalutato.

Ecco perché l’empatia gioca un ruolo fondamentale nella misofonia: la sua mancanza raddoppia la loro sofferenza.

Se conosci qualcuno che soffre di misofonia e lo vuoi aiutare, puoi scaricare gratuitamente la  guida che troverai in seguito dove troverai ulteriore informazione sulla misofonia e su cosa puoi fare realisticamente per aiutare quella persona. 

Invece se sei misofonica/o, puoi scaricare questa guida (volendo la puoi anche stampare) e la puoi consegnare a quella persona che tu ritenga necessario.

Hai difficoltà a comunicare la tua sofferenza misofonica con chi ti sta intorno?

Ecco per te una guida GRATIS che puoi scaricare e farla leggere a chi tu vuoi.

    Questa guida ha come obbiettivo: 

    • Far capire alle persone che la Misofonia è un vero e proprio disturbo neurofisiologico
    • Diffondere la comprensione di questo disturbo alla famiglia, amici e/o colleghi.
    • Fornire dei suggerimenti per trovare un sano equilibrio nei rapporti interpersonali

    PER COSA TI SERVE AIUTO?

    GUARDA LE MIE PRINCIPALI RISORSE IN QUESTE CATEGORIE

    MISOFONIA Cos'è

    Sapere di più sulla Misofonia

    Hai appena scoperto di soffrire di misofonia? Vuoi sapere cosa dicono le ricerche scientifiche o capire quali sono gli atteggiamenti che peggiorano questa condizione?

    Allora clicca il pulsante qui in basso per esplorare i diversi argomenti all'interno di questa categoria.

    Misofonia e rapporti interpersonali

    Vuoi affrontare la "situazione misofonica" con i tuoi cari? Vuoi fare chiarezza sulle dinamiche delle tue emozioni? Vuoi trovare un modo per farti aiutare da chi ti sta vicino?

    Allora vai al contenuto di questa categoria.

    meditazione per la misofonia

    Come gestire la Misofonia

    Vuoi sapere di più su come la pratica del Kundalini Yoga è di utilità per la gestione della Misofonia? Non hai mai praticato yoga o meditazione e hai paura che non sia adatto a te?

    Allora esplora i contenuti di questa sezione dove troverai informazione chiara, reale e approfondita su questa disciplina.