Misofonia Consapevole

IL KUNDALINI YOGA: UNA POTENTE RISORSA PER GESTIRE LA MISOFONIA

Senti spesso dire che lo yoga fa bene…

Che la pratica della mindfulness fa bene…

Ma quando vuoi capire il perché di questo benessere, di solito l’informazione disponibile è confusa per via di tutte le diverse forme di yoga e meditazione che attualmente inondano lo spazio del web.

Inoltre, i miti del mondo occidentale sulla pratica dello yoga insieme alla pubblicità “di marchio” che più delle volte trasmette un messaggio errato a causa di un marketing superficiale e/o disinformato, rendono ancora più difficile capire il vero potere e gli effetti profondi di questa pratica.

Cerchiamo di capire meglio cosa c’è veramente dall’altro lato della foto con la ragazza che posa beatamente.

LO YOGA NEGLI OCCHI DELLA SCIENZA E LA MEDICINA

Durante gli ultimi decenni, lo yoga si è infiltrato non solo nella cultura occidentale, ma anche nella medicina occidentale. Questo ha portato a tantissimi scienziati ad effettuare delle ricerche scientifiche sugli effetti della pratica di questa disciplina ed anche ad alcuni medici a incorporare lo yoga come terapia integrativa a quelle tradizionali.

Più si impara a conoscere questa antica pratica, più se ne rende conto che i suoi benefici vanno ben oltre l’aumento della flessibilità e del tono muscolare.

autoregolazione interna di uno yogi

Un equivoco comune è che lo yoga si concentra principalmente sull’aumento della flessibilità; tuttavia, anche se l’Hatha Yoga, ovvero, la pratica fisica dello yoga che sottolinea l’allineamento posturale appropriato, la forza muscolo-scheletrica e la resistenza, nonché l’equilibrio; lo studio e la pratica dello yoga incorporano pratiche basate sulla consapevolezza, come tecniche di respirazione consapevole, concentrazione focalizzata, meditazione e auto-riflessione.

LE MALATTIE DELL’ERA MODERNA E IL RUOLO DELLO YOGA

La medicina moderna ha fatto enormi progressi nel controllo delle malattie trasmissibili nell’ultimo secolo, tanto che ora sono le malattie non trasmissibili (Non-communicable Diseases e da ora in poi riferite come MNT) ad aver raggiunto proporzioni epidemiche e a causare la maggior parte dei decessi nel mondo.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che l’80% dei decessi per MNT sono dovuti a quattro tipi di malattie principali:

  • malattie cardiovascolari,
  • cancro,
  • diabete
  • malattie respiratorie [1].

Purtroppo, lo stile di vita è il principale fattore causale delle MNT, tra cui:

  • l’uso del tabacco,
  • la vita sedentaria,
  • la mancanza di esercizio fisico regolare,
  • le diete malsane
  • lo stress psicosociale cronico [1].

L’infiammazione cronica e lo stress sono un fattore comune a molte delle MNT, ed è un’area in cui lo yoga si è rivelato estremamente benefico.

Recenti ricerche hanno dimostrato che le pratiche yogiche basate sulla consapevolezza possono avere un impatto positivo sul corpo in molti modi, tra cui aiutare a regolare i livelli di glucosio nel sangue e mantenere sano il sistema cardiovascolare.

È stato anche dimostrato di avere importanti benefici psicologici, in quanto la pratica dello yoga può aiutare ad aumentare la lucidità e i sentimenti positivi, e diminuire i sentimenti negativi di aggressività, depressione e ansia [1].

    LA RICERCA SCIENTIFICA SULLA MEDITAZIONE E GLI EFFETTI SUL CERVELLO

    Diversi studi scientifici evidenziano come la pratica formale della meditazione possa cambiare sia la struttura che la funzione del cervello [1]. È stato scoperto che le persone che fanno più pratica di meditazione sviluppano strutture cerebrali più robuste in certe aree.

    Diversi studi hanno dimostrato che le pratiche yogiche come la meditazione consapevole possono aumentare sia lo spessore corticale che la materia grigia, in particolare nelle aree che controllano la regolazione emotiva e il funzionamento esecutivo.

    Queste regioni includono in particolare l’insula, la corteccia prefrontale ventromediale e la corteccia cingolata anteriore (ACC) [1]. L’insula è coinvolta con la propriocezione, la consapevolezza di sé e la regolazione emotiva.

    La PFC ventromediale è il centro del cervello per il funzionamento esecutivo, compresa la pianificazione, la risoluzione dei problemi e la regolazione emotiva. L’ACC è il centro del processo di autoregolazione, che dà la capacità di monitorare i conflitti di attenzione e permette una maggiore flessibilità cognitiva [1].

     

    Anche se questi studi non sono stati fatti specificamente sulla misofonia, questi cambiamenti significativi sul cervello attraverso la pratica dello yoga e la meditazione possono avere un impatto più che positivo sugli individui che soffrono di questa patologia.

    Come già evidenziato nell’articolo “Parti del cervello  coinvolti nei meccanismi della misofonia”, la corteccia cingolata anteriore e l’insula sono coinvolte nei processi misofonici.

    Inoltre, la ricerca sulla misofonia enfatizza sempre di più lo sviluppo delle proprie capacità di autoregolazione emotiva ed un incremento della flessibilità cognitiva* come ottime soluzioni per gestire e diminuire i sintomi misofonici e la pratica dello yoga si rivela un’ottima risorsa.

    Fino qui abbiamo esplorato brevemente come agisce sul corpo fisico e mentale la pratica dello yoga e la meditazione.

    Adesso passiamo a capire più in concreto come funziona il Kundalini Yoga considerando le diverse componenti della pratica di questa forma particolare di yoga.

    COME AGISCE IL KUNDALINI YOGA

    Nel Kundalini Yoga sfruttiamo le energie mentali, fisiche e nervose del corpo e le mettiamo sotto il dominio della volontà, che è lo strumento dell’anima.

    Questa tecnologia combina precisamente e consapevolmente il respiro, il mudra, la concentrazione degli occhi, il mantra, i blocchi del corpo e le posture per equilibrare il sistema ghiandolare, rafforzare il sistema nervoso, espandere la capacità dei polmoni e purificare il sangue. Porta equilibrio al corpo, alla mente e all’anima.

    Rafforzando il sistema nervoso sosteniamo anche la salute del sistema endocrino o ghiandolare. Il sistema nervoso si collega direttamente al sistema ghiandolare e spesso inizia la catena di eventi che portano al rilascio di ormoni che si andranno ad intrecciare con le cellule interessate e ai conseguenti cambiamenti nel corpo. Questa connessione avviene nell’ipotalamo. 

    Con una pratica consistente di Kundalini Yoga e Meditazione, le linee di comunicazione tra il sistema nervoso, l’ipotalamo e il sistema endocrino sono ottimizzate e migliorate. (2)

    La meditazione funziona in modo da permettere al cervello e alle ghiandole di rilassarsi e ricaricarsi. La ripetizione e il ritmo, componenti della pratica del Kundalini Yoga, sono i balsami lenitivi che riparano le ghiandole, che permettono un cambiamento a livello del corpo e della coscienza.

    Nel corso del tempo, la disciplina applicata della meditazione può sciogliere i traumi incorporati nell’anatomia fisica e sottile per consentire un rinnovato senso di salute, di radiosità e di equilibrio.

    Un aspetto importantissimo della pratica del Kundalini Yoga è quello di portare il nostro corpo e la nostra mente ad uno stato psicofisico dove qualsiasi altro trattamento, cura o terapia che facciamo, già sia per la misofonia o per qualsiasi altre malattie, diventino più efficaci.

    A volte proviamo dei percorsi di cura ma “non funzionano”, questo può essere anche per il fatto che il nostro sistema parasimpatico riesce raramente ad attivarsi per via dello stress. Come spiega il Dott. Dharma Singh nel suo libro “La meditazione come medicina”:

    “Il sistema nervoso autonomo è la principale difesa neurologica del tuo corpo contro le malattie, ma spesso non è in equilibrio. Invece di operare nella modalità parasimpatica di guarigione, riposo e ricostruzione, che favorisce le ghiandole e gli organi del sistema immunitario, spesso opera troppo nella modalità simpatica di lotta o fuga. 

    Questo accade generalmente a causa dello stress che non è bilanciato da tecniche di rilassamento, come la meditazione. Quando questo accade, allontana l’energia dal vostro sistema immunitario e dai vostri vari meccanismi di recupero, e la trasferisce agli organi di lotta o di fuga: i muscoli, il cuore, gli occhi e così via. 

    Quando questo accade troppo frequentemente e troppo a lungo, distrugge il corpo. Le malattie opportunistiche colpiscono. I virus si diffondono. I batteri proliferano. Le ghiandole e gli organi della modalità lotta o fuga si esauriscono. Il cuore può iniziare a battere in modo irregolare. Le ghiandole endocrine che forniscono la vitalità e la giovinezza degenerano. I muscoli possono iniziare a far male con i sintomi della fibromialgia. Possono comparire i sintomi della fatica cronica. L’invecchiamento inizia. la malattia si verifica.”

    (Dharma Singh in “Meditation as Medicine”)

    CONCLUSIONE

    Grazie agli avanzi nel campo della ricerca scientifica possiamo capire che la pratica dello yoga non è solo una risorsa per rilassarsi come solitamente viene illustrata. Ora abbiamo la possibilità di iniziare a comprendere meglio ciò che gli antichi yogi avevano compresso migliaia di anni fa, ovvero, i profondi effetti trasformativi sul corpo, mente e spirito. 

    Il Kundalini Yoga in particolare, lavora in modo sistematico sul cervello, sul nostro fisico e la mente. Rafforza il sistema nervoso, equilibra le ghiandole, purifica il sangue e pulisce i modelli di pensiero subconsci.

    Attraverso la pratica regolare puoi acquisire una maggiore consapevolezza delle tue emozioni e la capacità di scegliere come rispondere ai tuoi pensieri e sentimenti. La pratica del Kundalini Yoga allena la tua mente e il tuo corpo a non reagire emotivamente – non reprimendo le emozioni, ma sviluppando una “zona di filtraggio”, ossia, un tempo e uno spazio in cui elaborare e fare scelte consapevoli sulle tue risposte.

    Infine, il Kundalini Yoga è un potente strumento per sviluppare la tua intuizione, ovvero la voce del tuo GPS interiore, che ti guiderà e darà il supporto necessario per vivere una vita felice.

    Pensi che la pratica della meditazione non faccia per te?

    Esplora GRATUITAMENTE in 4 settimane i diversi elementi della meditazione del Kundalini Yoga.

    Inserisci il tuo nome e la tua email ed inizia subito

      Durante queste 4 settimane avrai:

      •  MEDITAZIONI BREVI E SEMPLICI 
      • VIDEO CON LE MEDITAZIONI GUIDATE
      • EMAIL SETTIMANALI CHE SUPPORTERANO LA TUA PRATICA
      • PIANO DI PRATICA PER ORGANIZZARE AL MEGLIO OGNI SETTIMANA

      PER COSA TI SERVE AIUTO?

      GUARDA LE MIE PRINCIPALI RISORSE IN QUESTE CATEGORIE

      MISOFONIA Cos'è

      Sapere di più sulla Misofonia

      Hai appena scoperto di soffrire di misofonia? Vuoi sapere cosa dicono le ricerche scientifiche o capire quali sono gli atteggiamenti che peggiorano questa condizione?

      Allora clicca il pulsante qui in basso per esplorare i diversi argomenti all'interno di questa categoria.

      Misofonia e rapporti interpersonali

      Vuoi affrontare la "situazione misofonica" con i tuoi cari? Vuoi fare chiarezza sulle dinamiche delle tue emozioni? Vuoi trovare un modo per farti aiutare da chi ti sta vicino?

      Allora vai al contenuto di questa categoria.

      meditazione per la misofonia

      Come gestire la Misofonia

      Vuoi sapere di più su come la pratica del Kundalini Yoga è di utilità per la gestione della Misofonia? Non hai mai praticato yoga o meditazione e hai paura che non sia adatto a te?

      Allora esplora i contenuti di questa sezione dove troverai informazione chiara, reale e approfondita su questa disciplina.